Ricette nuove e vini per la tua cucina. Educazione alimentare su ricette online
Educazione alimentare Appuntamenti enogastronomici Libri riviste Approfondimenti
 
Educazione alimentare
Microonde
Approfondimenti
Appuntamenti mensili
Libri, Riviste, Radio e TV
I link di Ricette online.com
Educazione alimentare Appuntamenti enogastronomici Libri riviste Approfondimenti  
la Cantina
le Rubriche
Newsletter
Forum
Contatti
Mappa
Pubblicità & Collaborazioni
Home
 


Fast Food

Introduzione

Fast Food «

Vedi anche
Gli alimenti per curarsi in cucina
Intolleranze alimentari & Allergie
Ristorazione nell’ordinamento scolastico italiano

In Italia, così come in buona parte del mondo occidentale, si sta diffondendo sempre più l'abitudine di mangiare fuori casa o comunque di non cucinare. Questo è reso possibile dalla disponibilità di cibo a basso prezzo, preparato in tempi brevissimi, il cosiddetto fast food.

Si tratta di piatti venduti da ristoranti specializzati, spesso parte di catene in franchising a livello internazionale, oppure negozi di generi alimentari. La tipologia di cibo è piuttosto variabile, ma consiste generalmente di piatti che possono essere consumati velocemente e senza uso di posate. Nella maggior parte dei casi si possono trovare panini o pizza abbinati a cibi fritti (patate, pollo, vari tipi di carne e verdure) o cucinati alla griglia, ricchi di condimenti sotto forma di salse. Non è improbabile riscontrare la presenza di elementi provenienti dalla cucina cinese, messicana o araba.

I punti di forza del fast food sono da ricercare nei sapori proposti (generalmente molto gustosi e standardizzati) e nei prezzi piuttosto bassi. Entrambi implicano un apporto nutrizionale scorretto, per motivi diversi.

I sapori molto forti e caratteristici sono ottenuti non certo tramite sofisticate elaborazioni culinarie, che sarebbero impossibili in questo contesto, ma attraverso massicce dosi di zuccheri e grassi presenti nei cibi e l'uso di additivi. Il risultato è un'alimentazione decisamente squilibrata con rischio di danni anche gravi a livello epatico e di picchi glicemici decisamente alti.

Il contenimento dei prezzi è realizzato con servizi ridotti all'osso, confezioni in carta o cartone e purtroppo spesso anche mediante l'acquisto di materie prime scadenti.

Alcune catene di fast food hanno recentemente tentato di far fronte a queste carenze proponendo anche cibi più sani, come insalate o macedonie, ma è improbabile che questi ultimi abbiano molto successo, essendo meno saporiti e sicuramente meno graditi soprattutto ai bambini e agli adolescenti, alcuni dei principali estimatori del fast food. In effetti molte operazioni pubblicitarie e di marketing promosse da questi ristoranti sono indirizzate proprio ai più piccoli, che ne risultano spesso notevolmente influenzati, ma sarebbe un grave errore abituarli a un'alimentazione simile: infatti, quando cresciamo, tendiamo a ricercare i sapori che amavamo durante l'infanzia, e questo potrebbe condurre a squilibri alimentari a lungo termine. Sarebbe meglio evitare del tutto di proporre ai propri figli cibi di questo genere.

Senza voler demonizzare a tutti i costi i fast food, bisognerebbe tener presente che si tratta di una trasgressione che ci si può concedere saltuariamente (al massimo una o due volte al mese), a patto che non diventi un'abitudine.

inizio pagina