Ricette nuove e vini per la tua cucina. Educazione alimentare su ricette online
Educazione alimentare Appuntamenti enogastronomici Libri riviste Approfondimenti
 
Educazione alimentare
Microonde
Approfondimenti
Appuntamenti mensili
Libri, Riviste, Radio e TV
I link di Ricette online.com
Educazione alimentare Appuntamenti enogastronomici Libri riviste Approfondimenti  
la Cantina
le Rubriche
Newsletter
Contatti
Mappa
Home
 


Nessuna cura per i postumi da sbornia

Introduzione

Nessuna cura per i postumi da sbornia «

Vedi anche
Gli alimenti per curarsi in cucina
Intolleranze alimentari & Allergie
Ristorazione nell’ordinamento scolastico italiano

Un bicchiere (o più bicchieri) di troppo a cena o al bar con gli amici, si sa, può provocare spiacevoli conseguenze al momento del risveglio, la mattina dopo. Il proverbiale “cerchio alla testa” è il più evidente, ma non mancano neanche nausea, irritabilità e difficoltà di concentrazione tra i possibili postumi di una bevuta un po' troppo abbondante.

Si trovano in commercio moltissimi “rimedi” (da pseudo farmaci a bevande analcoliche) ed ancora più numerose sono le “cureproposte dalla saggezza popolare, come ad esempio bere caffè, fare una doccia fredda, oppure bere lo stesso alcolico assunto la sera prima.

Quest'ultima “soluzione” presenta più pericoli che benefici: anche se può dare una sensazione di apparente benessere, rimanda solo il problema a qualche ora più tardi, spesso acutizzandone i sintomi; inoltre, se vi si fa ricorso spesso il rischio di diventare dipendenti dall'alcool non è trascurabile.

Il caffè o comunque le bevande contenenti caffeina non aiutano, anzi: si ha l'impressione di essere più vigili e attenti, ma in realtà l'alcool continua a svolgere il suo effetto depressivo sul sistema nervoso, quindi i nostri sensi e riflessi sono meno efficaci. Inoltre, la caffeina porta a una maggiore eliminazione di acqua, esattamente come l'alcool: l'assunzione combinata di alte quantità di alcool e caffeina può quindi essere causa di una parziale disidratazione.

Neanche una doccia fredda ha il potere di cancellare i risultati di una notte brava, dato che non influisce su nessuno dei fattori fisiologici coinvolti; al massimo, può essere raccomandabile non tenere la temperatura dell'acqua troppo alta per non abbassare ulteriormente la pressione sanguigna, già ridotta dalle libagioni.

I più accorti non si stupiranno dell'inefficacia dei rimedi “casalinghi”, affidandosi magari a preparazioni più “professionali”.

Ebbene, una recente ricerca inglese, condotta presso la Peninsula Medical School of the Universities of Exeter and Plymouth ha preso in esame molte di queste cure, incrociando i risultati di varie ricerche e test di laboratorio, in cui erano state impiegate cure sia convenzionali sia di “medicine alternative”, che comprendevano anche interventi “estremi” come la dialisi.

Nessuna di queste cure si è dimostrata efficace. Gli unici preparati che hanno dato risultati apprezzabili erano stati usati in esperimenti con un numero di partecipanti molto ridotto, che peraltro prendevano in considerazione solo i sintomi dei postumi da sbornia e non le alterazioni biologiche prodotte dall'alcool.

Di fatto, quindi, non esiste alcuna cura per i postumi da sbornia, si può solo alleviarne in parte gli effetti bevendo molta acqua (per compensare la disidratazione) e dormendo molto.

Ovviamente, sarebbe preferibile bere alcolici con moderazione per evitare completamente il problema.

inizio pagina