Ricette nuove e vini per la tua cucina. Educazione alimentare su ricette online
Educazione alimentare Appuntamenti enogastronomici Libri riviste Approfondimenti
 
Educazione alimentare
Microonde
Approfondimenti
Appuntamenti mensili
Libri, Riviste, Radio e TV
I link di Ricette online.com
Educazione alimentare Appuntamenti enogastronomici Libri riviste Approfondimenti  
la Cantina
le Rubriche
Newsletter
Contatti
Mappa
Home





Approfondimenti

elenco approfondimenti

Il pirlo

L’happy hour

Negli ultimi anni ha preso piede anche in Italia la consuetudine tipicamente anglosassone dell’happy hour, cioè l'usanza di ritrovarsi prima della cena (o del pranzo) per consumare stuzzichini e cocktail. L’happy hour ha trasformato l’aperitivo in un irrinunciabile appuntamento mondano, oltre che gastronomico.

A Brescia happy hour è sinonimo di Pirlo.

Il Pirlo è il tipico aperitivo bresciano a base di vino bianco frizzante, campari (o aperol) e seltz. E’ molto simile allo spritz veneto ma non bisogna confonderli. Lo spritz è l’aperitivo tipico delle città di Venezia, Padova, Trieste e Treviso, la cui ricetta varia da locale a locale. Nelle diverse combinazioni restano invariati il vino bianco e l’acqua gasata mentre è la scelta del terzo ingrediente che cambia, dal gin al cynar fino alla Crema Marsala.

Il pirlo ormai è diventato un immancabile componente delle serate bresciane trascorse in compagnia, soprattutto ora con l’arrivo della bella stagione e il suo successo è testimoniato anche dal sito che gli è stato dedicato.
www.ilpirlo.com è stato realizzato da alcuni simpatici ragazzi bresciani, impegnati nella ricerca del miglior Pirlo tra i vari locali della città.

Voti, pareri, prezzi e commenti trasformano questo sito in una vera e propria guida. Ringraziamo il simpatico staff di www.ilpirlo.com per averci fornito il materiale per realizzare questo speciale sul Pirlo.

L’origine del nome

Il nome pirlo deriva dal particolare movimento circolare che il Campari (o l’Aperol) fa dopo la sua caduta nel vino bianco. Nel dialetto Bresciano infatti si usa dire “ho fatto un pirlo” a testimonianza di una caduta non traumatica per terra. Il liquore versato, cadendo nel bicchiere, ricorda un pirlo (una caduta) andando verso il basso e tornando poi verso l’alto.

Pirlo e stuzzichini

Il Pirlo può essere accompagnato da innumerevoli tipi di stuzzichini che prolungano a tempo indeterminato la durata dell’aperitivo. Proprio questa peculiarità inimitabile lo distingue dal cugino veneto “spritz”. È quindi un momento gastronomico importantissimo per i bresciani che spesso lo apprezzano al punto da prolungarlo fin dopo l’ora di cena, comunque ottimamente sostituita dai buffet o dalle portate degli osti di Brescia. Inutile citare l’infinità di stuzzichini che possono affiancare l’amabile bevanda a base di prosecco (preferibilmente franciacortino) che, appunto, può essere accompagnato da qualsiasi gusto: dalla delicatezza di fresche verdure in pinzimonio, alla caliente intensità dei nachos con salsa piccante, dalla classicissima dolcezza dei formaggi lombardi all’ammiccante gusto di salumi e affettati di qualsiasi tipo.

Aperitivo e alimentazione

Dal punto di vista nutrizionale bisogna prestare particolare attenzione a questa pratica che si sta trasformando in una vera e propri consuetudine, soprattutto tra i giovani. L’errore principale è quello di non considerare questi aperitivi come dei pasti a tutti gli effetti. Gli stuzzichini uniti agli zuccheri dei cocktail e dell’alcool forniscono un apporto calorico non irrilevante che sostituisce, e talvolta eccede, quello di una cena.

Ci sono alcuni piccoli accorgimenti da tenere in considerazione per non avvertire gli effetti negativi di questo rito divertente: ricordare che le pietanze più gustose sono sempre le più caloriche, imparare a riempirsi subito con verdure crude, grigliate o sottaceto, conteggiare anche le calorie delle bevande, evitare patatine e noccioline, che oltre ad un elevato apporto calorico contengono anche molto sale.

Quando proprio è impossibile resistere e ci si accorge di avere esagerato, è possibile rimediare restando leggeri il giorno seguente: mangiare molta frutta e verdura aiuta a compensare la disidratazione provocata dall’alcool e a non aggiungere ulteriori calorie, riuscendo comunque a saziare.

inizio pagina